Speranza nelle tenebre (Isaia 9:1-6)

Cosa c'entra il Natale con la speranza e la pace? Solo le solite sciocchezze? O c'è dell'altro?

Servizio, Vespri di Natale,, , Congregazione della Chiesa Evangelica Libera di Leichlingen

, tradotto automaticamente

Introduzione

Beh, a Natale ci sono sempre queste aspettative... Ci si aspetta un pasto delizioso e si spera che non sia a base di pesce (passaggio dallo sketch "Che sapore ha il Natale?").

Anche le aspettative e le speranze giocano un ruolo importante nel periodo natalizio: stasera mi aspetto un regalo e spero che sia un drone.

Era una battuta, ho già un drone, l'ho messo da parte due anni fa.

L'opposto delle speranze sono le paure. Aspetto un regalo stasera e temo che sarà un pareggio.

Ma lasciamo queste sciocchezze - anche se forse ho toccato speranze e paure molto reali per alcuni - e guardiamo a un testo natalizio dell'Antico Testamento (Isaia 9:1-6; NL):

1 Perché il popolo che vive nelle tenebre vede una luce splendente. E sul popolo, in una terra oscurata dalla morte, risplende una luce intensa. 2 Tu moltiplichi il popolo e gli dai una grande gioia. Si rallegra su di voi come un popolo al tempo della mietitura, come un popolo esultante che si divide il bottino. 3 Infatti, come al tempo di Madian, Dio spezza il giogo che opprimeva il suo popolo e la verga sul collo, la frusta del suo conducente. 4 Tutti gli scarponi da marcia rimbombanti e i mantelli intrisi di sangue saranno bruciati e cadranno vittime delle fiamme. 5 Perché un bambino è nato per noi, un figlio ci è stato dato. Sulle sue spalle poggia il dominio. Egli è chiamato Consigliere meraviglioso, Dio forte, Padre eterno, Principe della pace. 6 Il suo regno è grande e la pace sul trono di Davide e nel suo regno sarà senza fine. Egli la stabilisce e la sostiene per sempre attraverso la giustizia e la rettitudine. Questo è ciò per cui il Signore Onnipotente lavorerà a lungo termine.

Speranza per un popolo nelle tenebre

Il primo versetto è citato nel Nuovo Testamento in Matteo 4:15,16, dove viene descritto il trasferimento di Gesù Cristo a Cafarnao, a nord-ovest del mare di Galilea, in quella che allora era la terra delle tribù di Zabulon e Neftali.

Ciò significa che questa luce brillante del testo del Nuovo Testamento è legata a Gesù.

Bisogna sapere che nel capitolo precedente, in Isaia 8, era stato descritto un tempo di tenebre per il popolo d'Israele, che si era allontanato da Dio. C'era il timore di un nemico opprimente, c'erano le pratiche occulte, che spesso vanno di pari passo con la paura.

E ora è stata annunciata una luce. Ho solo equiparato l'oscurità alla paura, il che potrebbe non essere sempre corretto. Ma nell'oscurità non si vede un bersaglio, non si vede cosa ci sta venendo incontro, e questo sembra piuttosto minaccioso e spaventoso.

La luce brillante indica la meta e la strada.

Nell'emisfero settentrionale, il Natale cade durante la stagione buia e si vedono sempre molte luci natalizie ovunque. Ogni tanto mi viene il brutto pensiero che l'elettricità non sia ancora abbastanza costosa, ma capisco che molte persone soffrono per l'oscurità e che l'illuminazione natalizia aiuta. E con i LED non è più così costoso, quindi allontano di nuovo questo brutto pensiero.

Gesù Cristo è la nostra speranza, la nostra luce. Se riuscite a portare ancora con voi questa frase, che probabilmente avete sentito mille volte, allora quest'anno è già un Natale prezioso.

Gioia

La seconda strofa è un po' più specifica:

2 Moltiplichi il popolo e gli dai una grande gioia. Si rallegrano per voi come un popolo al tempo della mietitura, come un popolo esultante che si divide il bottino.

"moltiplicare il popolo": non si appartiene più a pochi, non si è più soli. Nell'oscurità ci si sente spesso soli perché non si vedono gli altri. La luce ci mostra anche il nostro prossimo, il nostro fratello, la nostra sorella.

"La gioia in Dio come...": Come il tempo del raccolto, come le persone che si dividono il bottino tra di loro.

Mi viene da storcere il naso di fronte al termine "bottino", perché suona in qualche modo criminale, come una pirateria o un furto, ma qui è tutta una questione di sensazioni. Immaginate di trovare un tesoro insieme ad altri e di poterlo tenere. Ora potete pagare i vostri debiti, potete fare qualcosa di buono per la vostra famiglia, potete finalmente concedervi qualcosa, come una vacanza. E condividete questa gioia con gli altri che hanno trovato il tesoro con voi, e ce n'è abbastanza per tutti.

Non c'è invidia e tutti sono felici insieme.

Liberazione e pace

Poi l'oscurità viene affrontata ancora una volta:

3 Come ai tempi di Madian, Dio spezza il giogo che opprimeva il suo popolo e la verga sul suo collo, la frusta del suo conducente. 4 Tutti gli scarponi da marcia e i mantelli intrisi di sangue saranno bruciati e cadranno in preda alle fiamme.

Prima di tutto, si tratta di liberazione. Il nord d'Israele, almeno le tribù di Zabulon e Neftali menzionate in precedenza, erano sotto il dominio assiro e la liberazione annunciata qui è stata poi attuata anche in Isaia 37.

Ma anche noi personalmente possiamo soffrire sotto un giogo ed essere sotto pressione. Più dell'affermazione, forse un po' banale, che si può diventare liberi attraverso Gesù, non posso offrire nel quadro odierno. Il percorso è sempre molto individuale e personale. Ma come ho detto prima, ci sono altri fratelli e sorelle, non siete soli.

E poi si parla di pace. Trovo piuttosto spaventoso che la prima parte della quarta strofa, "All booming marching boots", sia un'affermazione che quasi tutte le persone in tutti i tempi comprendono. Non c'è bisogno di spiegare nulla dal punto di vista culturale, questa affermazione è completamente fuori dal tempo.

Non è possibile evitare la guerra. Negli ultimi decenni c'è sempre stata una guerra da qualche parte nel mondo, ma questa volta è così vicina.

Alcuni ecclesiastici hanno fatto riferimento alla cosiddetta tregua di Natale del 1914 nella Prima Guerra Mondiale come modello, chiedendo se non sarebbe possibile anche in Ucraina.

Ho l'articolo di Wikipedia su questo
(https://de.wikipedia.org/wiki/Weihnachtsfrieden_(Prima_Guerra_Mondiale))
molto emozionante, non posso che consigliarlo. Questa tregua natalizia si svolse principalmente tra i soldati tedeschi e britannici nelle Fiandre belghe e nelle zone francesi limitrofe. A un certo punto, i soldati hanno persino celebrato una funzione comune in cui è stato letto il Salmo 23, prima in inglese e poi in tedesco.

Era fantastico, ma oggi è un po' una glorificazione. I francesi e i belgi furono poco coinvolti perché la guerra si svolse sul loro territorio e furono direttamente colpiti dalla distruzione causata dagli occupanti tedeschi. Si trattava quindi di una storia senza i diretti interessati, come a volte accade oggi con le varie discussioni sulla guerra in Ucraina.

Se ora si guardano i due versetti dal punto di vista politico, ci si rende conto che la liberazione dal giogo e la distruzione delle armi sono in qualche modo collegate. Quindi la pace nell'oppressione non può essere la soluzione. La pace e una vita di libertà devono stare insieme. Il termine "libertà" è stato spesso interpretato in modo strano dai politici, ma credo che abbiate capito cosa intendo.

Il bambino

Arriviamo al nocciolo della questione:

5 Perché a noi è nato un bambino, a noi è stato dato un figlio. Sulle sue spalle poggia il regno. Egli è chiamato: Consigliere meraviglioso, Dio forte, Padre eterno, Principe della pace. 6 Il suo regno è grande e la pace sul trono di Davide e nel suo regno sarà senza fine. Egli la stabilisce e la sostiene per sempre attraverso la giustizia e la rettitudine. Questo è ciò per cui il Signore Onnipotente lavorerà a lungo termine.

Ora è davvero natalizio.

Tuttavia, personalmente mi infastidisce quando si parla del Bambino Gesù che dovrebbe portare i regali. Babbo Natale si colloca chiaramente nell'universo della Fata dei denti, ma il Bambino Gesù, che, a seconda della cultura, viene immaginato come un angioletto dai capelli ricci che porta i regali, può davvero distorcere la visione del vero Gesù Cristo, che è venuto al mondo come un bambino indifeso ed è diventato il nostro meraviglioso consigliere, Dio forte, Padre eterno e Principe della Pace.

Diamo un'occhiata più da vicino a questi quattro termini.

E poi si parla di regno senza fine, in pace, diritto e giustizia.

Non si tratta, ovviamente, di una teocrazia in cui poche persone con strane vesti e copricapi decidono dove andare a parare.

Il regno di Dio qui sulla terra inizia in noi personalmente. Se ci uniamo a Gesù Cristo, se gli doniamo la nostra vita, allora la sua pace può crescere e diffondersi in noi. Questo include anche la sua giustizia e la sua misericordia.

Forse questa frase sembra troppo kitsch per il Natale, soprattutto se si pensa ai propri fallimenti. Qui sono stato sgarbato, lì ho ferito qualcuno con il mio modo di fare, altrove forse non ho risolto una controversia ma l'ho alimentata.

Penso che tutti noi lo sperimentiamo a volte, ma è comunque vero che il regno di pace di Gesù Cristo inizia in noi personalmente.

E nell'ultima frase del nostro testo, la parola "sostenibile" compare davvero, almeno nella traduzione "Nuova vita". È una parola che sembra essere usata ad ogni occasione in questi giorni, e a ragione, perché in passato abbiamo avuto la tendenza a ignorare la sostenibilità in molti settori.

Rileggo il versetto:

Il suo regno è grande e la pace sul trono di Davide e nel suo regno sarà senza fine. Egli la stabilisce e la sostiene per sempre attraverso la giustizia e la rettitudine. Questo è ciò per cui il Signore Onnipotente lavorerà a lungo termine.

Si tratta, ovviamente, di uno scorcio di eternità, ma, come ho detto, inizia anche qui, con noi personalmente.

E credo che Dio abbia un interesse duraturo nei vostri confronti e un impegno duraturo nei vostri confronti, affinché possiate sperimentare la sua pace.

Sintesi

Concludo elencando ancora una volta brevemente i singoli punti: